RECENSIONE di Alessandra Angelo-Comneno al libro “Un cammino arduo tra sogno e realtà” di Roberto TEDESCO

11988591_972311689494266_147784743440676481_n
Un cammino arduo tra sogno e realtà” di Roberto Tedesco
Edizioni Simple
Recensione di Alessandra Angelo-Comneno
“In una valle circondata da massicci rocciosi che non hanno uguali al mondo, immersa nelle verdeggianti pinete bagnate dalle gelide acque dei ruscelli provenienti dai ghiacciai eterni, sorge un tranquillo paesino delle Dolomiti, a metà strada tra Predazzo e Canazei. Una piccola località turistica attraversata dal torrente Avisio che, rompendo i suoi flutti contro i massi disseminati lungo il greto, crea un mormorio armonioso che risuona nelle silenziose notti montane…”
Con una descrizione che immediatamente mi ha ricordato “l’addio ai monti” nei “Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni, Roberto Tedesco inizia il suo racconto, portandoci con delicatezza, in uno stile semplice, ma fluido ed accurato, all’interno della sua vita.
Roberto è bambino nell’immediato dopo guerra e vive in una famiglia contadina del Friuli, unita da profondo rispetto ed affetto. Il padre si aspetta che Roberto acconsenta, una volta diventato adulto, a lavorare la terra come lui stesso fa da una vita, ma il bambino, pur aiutandolo di tanto in tanto, ha ben altri sogni e progetti in testa e, con determinatezza ed acume, trova la strada, lentamente, ma con una tenacia inusuale, di trasformare quei sogni, in realtà. Lavoratore e studente, curioso e oltremodo volenteroso, ha un gran desiderio di imparare e non disdegna certo occupazioni semplici pur di incominciare a guadagnare. Queste, gli fanno comprendere ancora meglio quanto sia in salita la strada che desidera percorrere e, soprattutto, che per arrivare in cima, deve fare una scelta coraggiosa: abbandonare la sua famiglia, il suo paese, la vita faticosa ma semplice dei campi, ed andare a “cercar fortuna” in una grande città, Milano.
E’ in questa città che comincia veramente “un cammino arduo tra sogno e realtà” che Roberto Tedesco inizia a percorrere, condividendo con il lettore le sue esperienze, le sue gioie e le sue delusioni. Attraverso le sue parole, oltre che addentrarci in quello che è stata la sua vita durante qualche decennio, ci immergiamo in un’Italia che, distrutta dalla guerra, aveva affidato la sua ripresa economica a persone coraggiose ed intraprendenti come Roberto. Per chi ha vissuto durante quel periodo, leggere il libro di Roberto Tedesco sarà come fare un tuffo nel passato quando ci si sentiva ricchi se solo si possedeva una bicicletta o una “Vespa” e per chi, invece, è più giovane, sarà utile la lettura di questo testo per poter comprendere che nulla di quello che abbiamo è scontato, ma, al contrario, frutto di duro lavoro.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...