LABORATORIO DIDATTICO: INQUINAMENTO: acqua e terra

img_6114  41jJ4njCGJL._SX331_BO1,204,203,200_

PROGETTO DIDATTICO realizzato con il supporto del testo  storico-ecologico   “L’ETA’ PERDUTA”di Maria Pace.

INQUINAMENTO dell’ACQUA

Le cause dell’inquinamento sono varie:  rifiuti non trattati in città  –   fertilizzanti  – rifiuti organici  –  inquinamenti da fabbriche –   gas tossici  –  inquinamento da rame, piombo, ecc  – gas di scarichi su autostrade – scarichi di mare – centrali nucleari in mare – inquinamento in città –  inquinamento per trattamento delle acque – scarichi di acque non depurate –  scarichi di acque usate – lavaggio del suolo urbano con materiale chimico – infiltrazioni di materiali nocivi.

L’inquinamento interessa sia le acque di mare (fognature, rifiuti chimici)  che i fiumi (rifiuti di vario genere)

Anche i laghi sono inquinati dagli stessi materiali.

Un ulteriore inquinamento dei mari e dei laghi è quello da materiale bellico che in essi viene gettato.

 

INQUINAMENTO della  TERRA

I Romani punirono Cartagine spargendo sale, che è una sostanza tossica per il terreno, sulle sue rovine  e la distrussero. Ciò che i Romani fecero a Cartagine, molti Paesi Europei hanno fatto a se stessi spargendo sale sul terreno per difendersi dal ghiaccio e rendendolo improduttivo, prima di rendersi conto del danno provocato.

Un’altra sostanza altamente inquinante è il verderame utilizzato in agricoltura. Diserbanti e pesticidi, contenenti metanolo, bentazone, sono ancora peggiori perché contaminano non solo il terreno ma anche il frutto.

NOTA: queste sostanze velenose agiscono sia sul terreno che sulle acque, poiché possono raggiungere le falde acquifere.

Uno, o forse il maggiore dei killer per l’ambiente, sono le DISCARICHE

Il problema più grosso sta nel fatto che i costi degli impianti di depurazione sono spesso assai elevati e questo spinge qualcuno ad occultare  rifiuti pericolosi in siti non idonei allo smaltimento.

Prima di tutto bisogna distinguere tra rifiuti industriali e rifiuti urbani.

I Rifiuti industriali posso essere di origine organica ed inorganica.

-Le scorie organiche sono rifiuti chimici come petrolchimica, farmaceutica, ecc… Questi rifiuti possono essere neutralizzati chimicamente, con aggiunta di additivi chimici, oppure con combustione negli inceneritori.

Le scorie inorganiche sono i rifiuti metallurgici, come acciai speciali. Neutralizzare questi rifiuti è più difficile e per questo vengono occultati nelle discariche.

Le scorie nucleari o radioattive sono in assoluto le più pericolose perché non esiste nessuna sostanza per neutralizzarle ed hanno hanno un periodo di smaltimento che raggiunge anche milioni di anni.

La plastica, infine, rappresenta per l’ambiente un ulteriore pericolo poichè non è biodegradabile e quindi non si può neutralizzare.

 

Ci sono poi i  RIFIUTI URBANI.

Le sostanze inquinanti sono: Cadmio, contenuto nelle vernici, batterie, plastiche, ecc

Mercurio: presente nei materiali elettrici,lampade e termometri

Sostanze organiche ed inorganiche: presenti nella carta e nella pietra.

 

LE DISCARICHE

Le regole per una discarica sicura sono: impermeabilizzazione dell’invaso, distanza di sicurezza da acque sotterranee, analisi del terreno, controllo giornaliero, raccolta di eventuali  liquidi, bruciatura dei gas, distanza di sicurezza da centri abitati.

NOTA: un ulteriore pericolo legato alle discariche incontrollate, è il proliferare di animali nocivi ed apportatori di malattie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...