“LE LETTURE del Martedì e Venerdì… di Anna e Maria”

“L’AMBASCIATORE LONGOBARDO”  di  MARIA PACE

(terza puntata)

………………

IMG_1079 - Copiaa5c39524a04b8501bb418e4d8eeee614

La corte era in fermento: un torneo in onore degli ospiti.

Tutto era pronto da giorni nello spiazzo che si stendeva davanti al castello. Il terreno era stato recintato da una palizzata ed a metà del perimetro erano state sistemate alcune tende ornate di pennoni e frange colorate; davanti ad ognuna di queste c’era lo scudo del cavaliere che avrebbe partecipato al torneo.

Uno scudo bianco con bordo colorato di rosso e con al centro un’Aquila Reale, posava davanti alla seconda tenda: era lo scudo di Abelardo, Campione della principessa Teodolinda.

Sul lato opposto erano state sistemate le tribune per gli spettatori; un piccolo palco sopra un poggio era il posto d’onore e vi avevano preso posto il Duca, la principessa Teodolinda e i suoi ospiti longobardi.

Il torneo ebbe inizio.

Per primi entrarono in campo gli araldi i quali spiegarono le modalità della gara. Proclamarono i nomi dei quatto Campioni: Agililulfo, Gundebaldo, Teobaldo e Abelardo, Campione della principessa.

Ogni cavaliere presente poteva lanciare la sfida ai Campioni ed alla fine della giornata, quello tra i cavalieri che avesse spezzato quattro lance, sarebbe stato nominato Campione del Torneo ed avrebbe ricevuto in dono uno splendido cavallo.

 

I Cavalieri dovevano scegliere i colori della dama a cui volevano dedicare la vittoria, portando sul cimiero i nastri da lei ricevuti. Ritiratisi gli araldi, entrarono i Cavalieri e la gara ebbe inizio. I quattro Campioni, armati di tutto punto e chiusi nelle splendide armature, avanzarono nel campo. Giunti sotto il podio si fermarono per rendere omaggio al Duca ed alla principessa poi, al suono di tamburi, raggiunsero la loro postazione nella parte nord del campo. Gli sfidanti, invece, si allontanarono verso la parte sud.

Al segnale delle trombe, cessati i tamburi, i due gruppi mossero l’uno contro l’altro.

Nel primo scontro rimasero disarcionati tre cavalieri; i cinque superstiti, due sfidanti e tre campioni, tornarono alla loro postazione. A sfidare il Campione che aveva vinto l’avversario si presentò un nuovo sfidante e il secondo attacco ebbe inizio.  La folla, cavalieri e dame seduti sulle panche sistemate nelle tribune e il popolo assiepato lungo la palizzata, incitava i Campioni e gli Sfidanti con urla e lazzi.

I tornei erano gli svaghi preferiti dell’epoca sia da nobili che dal popolo; i primi l’associavano alla caccia ed al banchetto, i secondi agli avanzi di quello stesso banchetto.

Al secondo attacco il Campione della principessa fu disarcionato. Seguì un grido di disapprovazione unanime, ma ecco che, mentre i cavalieri tornavano al loro posto, un nuovo sfidante si fece avanti: era il bell’ambasciatore longobardo. Il giovane si fermò davanti alla principessa.

“Sarò il tuo Campione. – disse chinandosi – Combatterò per te in nome di Re Autari.”

Teodolinda si voltò verso il Duca che ebbe un sorriso compiaciuto: se un capitano di Autari mostrava per sua figlia tale rispetto, certo il suo Re avrebbe fatto ancora di più. Con un cenno del capo acconsentì e Teodolinda porse al suo nuovo Campione i nastri colorati: bianco e rosso rubino.

Il giovane si allontanò in direzione del suo cavallo che uno scudiero reggeva per le briglie al limitare del campo e pochi attimi dopo raggiungeva la sua postazione.

Il terzo assalto ebbe inizio. Non ci furono perdenti e il numero dei contendenti rimase a tre contro tre.

Nel quarto assalto il longobardo ebbe ragione dell’avversario e così nel quinto e nel sesto e anche nel settimo.

Al nobile Guadaldo restava solo un ultimo scontro, ma non erano rimasti avversari: c’erano solo lui e l’altro Campione, il figlio del Duca.

 

Secondo le leggi della Cavalleria la postazione toccava al Campione del Signore di casa, ma la Cavalleria imponeva gesti di cortesia e così il Campione del Duca, che era anche suo figlio, gli cedette il posto e raggiunse la postazione degli sfidanti.

Il gesto fu salutato con uno scroscio di applausi.

Uno squillo di tromba, subito dopo, annunciava l’ultima gara e i due Campioni si lanciarono in avanti a spron battuto; l’urto delle lance, quando si scontrarono, rimbombò nella pianura con suono metallico e tonante.

Le due lance volarono in pezzi e i cavalieri ondeggiarono; parvero sul punto di cadere, ma ripresero l’equilibrio. I cavalli s’impennarono, ma i Cavalieri ripresero ben presto anche il controllo su di loro.

Uno sguardo, un braccio levato e i due tornarono alle rispettive postazioni.

Nuove lance e nuovo assalto, ma questa volta il cavallo di Gundebaldo, il figlio del Duca, non resistette all’impatto. Si piegò sui garretti, poi cadde rovinosamente assieme al proprio cavaliere.

Il giovane longobardo saltò giù di sella, s’accostò al vinto e lo aiutò a rialzarsi e questi, toltosi l’elmo, gli fece un profondo inchino, dichiarandosi vinto.

Anche Guadaldo   si scoprì il capo poi si avvicinò al palco, baciato dai raggi tiepidi del sole morente e chinò il capo biondo davanti alla principessa.

Teodolinda si alzò, discese i cinque gradini e s’accostò al suo Campione.

Guadaldo staccò dal cimiero i nastri colorati per cui s’era battuto e con mani leggermente tremanti li tese alla principessa che rispose con un sorriso.

Guadaldo stava per rialzarsi, ma:

“Aspetta. – lo fermò Teodolinda, sfilandosi un anello dal dito e porgendoglielo con gesto grazioso– Prendi. E’ per ingraziarti.”

Il giovane converse gli occhi in quelli di lei e la guardò così come si guarda un prodigio, poi prese l’anello e prima di infilarselo al mignolo lo portò alle labbra.

“Grazie a te, principessa. Lo custodirò come la più preziosa delle reliquie.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...