“TRAMONTO” di Adriano PERRONE

10455697_460226200832689_3906476029517969286_n 397914_135660356622610_2122834136_n

C’è un disegno nel lontano orizzonte
che a volte si espande.
Sembra abbia un cuore
qualcosa che vale
io lo guardo
lo vorrei fermare
quando invece fugge…
scompare.
C’è un dipinto in questo momento
che un po’ si confonde
attraversa i tuoi occhi
spiana le ombre
ed io riesco a vedere
la purezza del tuo viso
e la luce che mi infonde.
C’è una musica nel lontano orizzonte
la sento… varca le sponde
corre per quel mare sconfinato
e mi insegna tutto ciò che non ho mai capito.
Se la sua dolce melodia spiega
e a volte appare strano…
aiutami a capire
non far sì che resti invano.
Come un guerriero inseguo l’orizzonte
su un cavallo di legno vinco le battaglie
uno scettro strano
è la penna che porto in mano…
e mentre cavalco con occhi sbarrati
la mia mano tentenna
si ferma sui cuori spezzati.
Nessuno mi può ferire.
Nessuno mi può fermare…
ma c’è un confine che non oso attraversare.
E’ un disegno nel lontano orizzonte
che non ho potuto dipingere
ma che grandissimamente ho ammirato.
Se a volte mi vedi correre
se a volte mi senti gridare
non dire niente.
Non c’è niente di strano.
Fuggo da te
grido e piango per te.
E’ un vero peccato
che l’orizzonte sia sempre…
lontano… lontano.
(“Lontano lontano” tratto da “Il rumore del silenzio” di Adriano Perrone)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...