“Pirati & Corsari – Capitan Kidd” di Romina Gotti

 

Capitan-Kidd

Londra, ponte sul Tamigi ,13 maggio 1701 .                                                                                William Kidd è appena stato impiccato; il suo corpo peNzola sul Tamigi, monito per chi volesse ripercorrere le sue gesta sconsiderate. Un’intera città accorre per vedere l’evento; è considerato uno spettacolo assistere ad una impiccagione, ma oggi è un giorno speciale: lui è Capitan Kidd, il terrore di tutti i mari.                                                                                              I vicoli si riempiono di gente, un vociferare ovunque ,i venditori sognano affari oggi.         La corda a cui è appeso si spezza e  il boia deve ripetere l’impiccagione. Il vociferare è diventato un silenzio assordante. Lo spettacolo si è concluso in tragedia: questo il destino dei pirati.                                                                                                                                                       Rimane un mistero che circonda il capitano: dov’è sepolto il tesoro?                                Generazioni di cacciatori di tesori si sono cimentati nell’ardua impresa di cercarlo nei fondali di Long Island, nei mari del Madagascar, lungo ogni costa dove il capitano ha attraccato.

William Kidd nasce nel 1645 in Scozia a Greenock .Si imbarca giovanissimo come marinaio su un mercantile delle Compagnie delle Indie, cosi inizia la sua carriera di corsaro. Corsaro? Ma non lo avevano impiccato perché pirata?                                                                         Il corsaro inglese gli affida un vascello, “l’Adventure Galley”, con uomini e cannoni, destinazione Madagascar e con il compito di scovare pirati e vascelli francesi. Ma capitan Kidd ha un piano diabolico: il doppio gioco, il tesoro lo vuole per se stesso e non per il governo inglese e  allora che fa? Si trasforma, tra l’oceano indiano e l’oceano Atlantico, in pirata, perché la transizione è solo mentale e basta un tramonto, un vascello carico d’oro e gioielli, una ciurma che sceglie l’ammutinamento e il dado è tratto. C’è la morte per i traditori e lui adesso è un pirata a caccia di tesori., il terrore di tutti i mari e accumula un tesoro immenso, ma suddetto tesoro è proprietà della compagnia delle Indie.              Questo gioco, di apparire corsaro ed essere pirata, ha vita breve.                                                 Sorge l’alba pirata sul Madagascar   e Capitan Kidd,  a bordo dell’Adventure,  decide di cambiare rotta:  New York, baia di Long Island. Siamo nel 1695.                                                     In Inghilterra sanno che Capitan Kidd fa il doppio gioco e gli affidano un compito da corsaro,  ma ad attenderlo a New York non ci sono i francesi .ma gli inglesi che lo catturano.                                                                                                                                                           Kidd  tenta una fuga disperata, ma senza successo.                                                                               È maggio. La primavera è arrivata sul Tamigi ma William Kidd non vedrà un’altra estate. Muore, ma porta con sé il suo segreto: dove ha sepolto l’immenso tesoro. Dove si trova la mappa? Coloro che lo seppellirono non sono mai tornati o  sono stati uccisi dal capitano perché non parlassero. Dov’é la mappa, dunque?                                                                                    La mappa del tesoro è nascosta nelle tasche di qualche marinaio che trascorre le sue giornate nelle taverne a bere rum e cantare le gesta di Kidd?’                                                            Stevenson pensò a lui quando scrisse “L’isola del tesoro”?                                                            Sento la ballata dei marinai nelle orecchie: lo spirito del Capitano è ancora li, sul ponte del vascello. Sento i suoi passi. Sta arrivando.

Annunci

One thought on ““Pirati & Corsari – Capitan Kidd” di Romina Gotti

  1. Il corsaro pirata, tutti hanno cercato e cercheranno il “mito” del tesoro!!! Il denaro insieme al potere muoverà popoli per trovarli . la storia continua…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...