“Pirati & Corsari – Edward England” di Romina GOTTI

13228061_283113718699348_1557383093_n

Port Louis 1710 Mauritius, Oceano Indiano, 500 miglia nautiche del Madagascar.

Siamo su quest’isola da tre giorni,  ma non so quanto tempo rimarremo qui. Dobbiamo trovare il modo di andarcene, costruire una zattera…Ecco cosa faremo. I tronchi dei pini andranno bene. Ma ci serve acqua potabile, scorte alimentari, ho un coltello e un cannocchiale. Ci serviranno.

È un’isola vulcanica. Domani salirò sull’altopiano del Piton de la petit Riviere, devo farmi un’idea della morfologica dell’isola e delle sue risorse. La mia ciurma mi ha abbandonato su quest’isola disabitata con due marinai a me fedeli. Ci sono eucalipti, pini, banani giganti; andremo a caccia e a pesca. Stamane ho scorto nella boscaglia maiali selvatici e una mangusta: dovremo preparare trappole e armi. Ho visto anche  un gheppio, pappagalli, piccioni… non moriremo di fame..

Ma è l’acqua che mi preoccupa. C’è una cascata, un fiume? Le riserve d’acqua sono finite. Dovremo andare in perlustrazione; ci serviranno recipienti per le provviste e un riparo sicuro per la notte. Sugli alberi. Ecco dove dormiremo al sicuro dai predatori.

Costruiremo una zattera. Dobbiamo raggiungere il Madagascar. Gli squali? Si!  Dovremo stare in guardia…… Da che parte è il Madagascar? Sì, le carte nautiche. …ora ricordo Domani. Domani preparerò la rotta, disegnerò una carta ed i miei uomini costruiranno la vela… La corrente, i venti…  Si, dovremo sfruttare il vento….Il cibo? Le foglie di banano per conservarli e le vele? La corteccia degli alberi e  i tronchi per la zattera e i nostri vestiti per la vela…Si può fare! La corteccia sarà la nostra salvezza.

Edward England, irlandese di nascita e di spirito, questo è il nome del nostro pirata, comandante di due vascelli: Pearl e Fancy. Pirata sì, ma non assassino. Si rifiuta di uccidere i prigionieri delle imbarcazioni dopo un abbordaggio, se non è strettamente necessario. Rifiuta di uccidere i marinai inglesi della Cassandra e per questo viene abbandonato dalla ciurma, che nel frattempo si è ammutinata su un ‘isola deserta.

Edward Rìriesce a raggiungere il Madagascar dopo mesi in mare e da li ritornare nella sua patria. Muore solo in Inghilterra, nel 1721, senza fama né gloria. No, la sua sopravvivenza e fuga dall’isola non è dimenticata. Un uomo cosi non si può dimenticare. Pirata sì, ma non assassino.

Avrei voluto essere sull’isola ,da un uomo cosi si impara a sopravvivere.

Annunci

One thought on ““Pirati & Corsari – Edward England” di Romina GOTTI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...