LA DECIMA LEGIONE – Sulla via per Gerusalemme” di Maria Pace – INCIPIT

Forti_Ettore_Carpet_Merchant_in_Pompeii_Oil_on_Canvas-large

Venti, tuoni e fulmini, quel dieci gennaio dell’anno 684 ad Urbe condita, sconquassarono il cielo sopra la città trasformando delle comuni nubi temporalesche in una massa scura e vorticosa. Giove ed Eolo parevano impegnati in una gara di abilità e l’aria era satura di sinistra bellezza.

Ciò nonostante, un gran fermento agitava le strade, invase da legionari, vigili e pretoriani: Cesare Galba aveva appena presentato al Pretorio il suo successore, Liciniano Pisone. Stava recandosi al Senato e il rumore dei sandali chiodati si staccava da terra ritmato e prolungato.

La tempesta s’era placata. Non pioveva più, ma raffiche di vento contendevano toghe e mantelli, sollevavano fango e detriti e assordavano le orecchie come lo sbattere violento di imposte,

“Una saetta deve essere caduta assai vicino. – la vecchia Euridice entrò nel tablino d’inverno della casa di Marco Valerio con un vassoio di coppe fumanti – Il carro dei Vigili del Fuoco si è fermato qui accanto.” disse deponendo il vassoio su un tavolino attorno al quale erano raccolte Lucilla, Keriat e Ottavia.

“Ha spaccato il bancone del panettiere qui accanto. – esordì Lucilio, comparendo sull’uscio e scrollandosi di dosso il mantello bagnato, poi salutò – Ave, dominae!”

Euridice si voltò ed anche le ragazze.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...