ANTICO EGITTO – La DUAT : l’Oltretomba egizia

untitled    38520_101615196563924_3933341_n

Da quando l’uomo auspica una vita dopo la morte?

Non è prudente azzardare supposizioni.

Gli Antichi Egizi dicevano che il percorso umano si divide in tre fasi:

  • Vita terrena – Morte Vita ultraterrena

La vita terrena, dicevano, è un dono degli Dei per consentire all’uomo di procurarsi tutto il necessario per affrontare la vita ultraterrena e la morte è un solamente un passaggio.

“L’antico popolo egizio – diceva lo storico greco Erodoto – praticava il Culto dei Morti, ma amava  profondamente la Vita.”

Ed era proprio così: gli Antichi Egizi cercavano di vivere al meglio la vita terrena, poiché quella ultraterrena doveva esserne una copia esatta.

Un dono o un privilegio, non riconosciuto a tutti, però, poiché quel dono bisognava meritarselo attraverso una vita terrena condotta irreprensibilmente.

Nelle Antiche Massime Morali troviamo insegnamenti come:

“Calma coloro che sono in lacrime.” o  “Non opprimere le vedove”

 Che cosa accadeva all’uomo dopo la morte? Di tutte le entità  che componevano la sua natura umana, solamente il Ka, ossia lo Spirito, si apprestava a percorrere le strade della DUAT  (l’Oltretomba)per affrontare il Giudizio di Osiride e dei 42 Giudici: la pesatura del Cuore. Il Cuore veniva posto su uno dei piattelli della Sacra Bilancia di Maat, la Dea della Giustizia, la quale si toglieva dal capo la Sacra Piuma e la poneva sull’altro piattello: il Cuore non doveva pesare più della Piuma.

Formule Magiche ed Incantesimi, però, (Rew  ed  He-Kau) potevano “alleggerire” il peso del Cuore…

Il percorso per arrivare alla Sala del Tribunale di Osiride era irto di pericoli ed insidie, ma anche qui veniva in soccorso la magia… spesso le formule magiche( per ogni più svariata evenienza) erano incise sulla superficie di scarabei di pietra… in alcune tombe sono stati trovati fino a novanta scarabei con queste incisioni.

Accompagniamo, dunque, il Ka del defunto lungo questo viaggio.Iniziamo dal grande Portale d’Ingresso: Ro-Stau, letteralmente “La Buca”. Era sorvegliata da tre demoni: il Portiere, il Guardiano e l’Araldo. Il loro compito  era di impedire l’accesso a quella Porta e il loro aspetto era terrificante.

Ma, ancora una volta, in soccorso del povero defunto-pellegrino giungeva quell’aspetto utilitaristico della Religione e della Magia di cui l’antico popolo nilotico permeava la propria esistenza. Incantesimi e Formule Magiche riuscivano a  vincere la resistenza di quelle demoniache creature e la loro volontà: il Ka del defunto doveva soltanto pronunciarle con la “giusta” intonazione della voce, dopo essersi dichiarato ed aver pronunciato il nome di ognuno di loro.

L’esito era assicurato e i tre Demoni avrebbero spalancato il Portale ed introdotto lo spirito del defunto all’interno dell’Oltretomba, un percorso disseminato di ambagi ed insidie. Il primo ostacolo da superare era…   ma qui, vorrei invitarvi a seguire il Ka del defunto, lungo il suo percorso, attraverso la lettura del libro di Maria PACE… percorso che ripercorre le tappe del testo sacro egizio più famoso al mondo: Il Libro dei Morti degli Antichi Egizi,   “Il  PAPIRO di  TORINO”

“DJOSER  e  Lo Scettro di Anubi”

se siete interessati a questa lettura, potete richiedere il libro  con dedica autografata direttamente all’autrice.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...