LIBRI

Annunci

“LA BAMBOLA” favola…di Maria Pace

b0a31064b2941a5a9b92f7055a0f6e5b

Un pino faceva bella mostra di sé lungo il viale del giardino della casa di Emma Vittoria, una bella bambina allegra e vivace, con due occhi carichi di splendore e verdi come il colore di quel pino; il babbo lo aveva fatto piantare il giorno in cui era nata, proprio quattro anni prima.

Era dicembre e faceva freddo; era arrivata anche la neve, che aveva imbiancato ogni cosa come con panna montata. Il pino, addobbato con nastri e filamenti luccicanti, sembrava un albero di Natale. C’era stata gran festa quel pomeriggio, con giochi, dolci, coriandoli, bevande e zucchero filato. Il babbo aveva perfino fatto arrivare un clown dal Circo accampato alla periferia della città.  Il pomeriggio era passato in un baleno e già le amichette e gli amichetti di Emma, l’uno dopo l’altro, avevano lasciato la casa.

Emma Vittoria, però, era ancora tutta eccitata e, soprattutto, soddisfatta dei regali ricevuti che erano stati veramente belli e numerosi. Uno, particolarmente gradito, era  arrivato con la zia Maria: una bella bambola vestita alla marinara, con un vestitino bianco e celeste proprio come il suo e i lunghi capelli raccolti  dietro la nuca da un nastrino.

6b903f951252337fc3d1902db229e3e4

Approfittando della presenza della zia Maria, Stefy e Dario, la mamma e il babbo della piccola, si offrirono di accompagnare a casa uno dei piccoli ospiti della loro bambina e lasciarono la casa.

Rimasta da sola con la zia, Emma prima cominciò con un’interminabile “filastrocca dei perché”, poi la pregò di raccontarle una favola e la zia Maria non si fece pregare; le piaceva raccontare e ad Emma piaceva ascoltare. Sedettero davanti al camino acceso e scoppiettante: la zia su una poltroncina ed Emma accanto a lei

La piccola Emma Vittoria stringeva fra le braccia la sua bambola; con quei capelli raccolti, il cestino di fiori e la letterina di auguri in mano, sembrava proprio una bambina.

La zia cominciò a raccontare:

“Nei tempi dei tempi che furono, viveva, in una grande casa dell’Antica Roma, un bimbo di nome Fabio, assai biricchino e vivace… Il posto preferito per le sue marachelle era  la stanza delle sorelline…La piccola Emma ascoltava attenta.

Nel camino, intanto, la legna scoppiettava allegra e le scintille salivano verso l’alto, simili a abbaglianti stelle; zia e nipotina, l’una accanto all’altra, erano davvero felici e contente.

Vuoi vedere – continuava il racconto – come trasformo la bambola di legno della mia sorellina nelle ruote del mio carretto? Si  disse un giorno il piccolo discolo, guardando soddisfatto la bambola sottratta alla sorellina minore…”

La zia s’interruppe.

Emma la vide appoggiare il capo alla spalliera della poltrona e socchiudere gli occhi; le parve che volesse addormentarsi e allora la sollecitò:

“Avanti, zia. Racconta. Chi era Fabio? Era un piccolo mago capace di fare magie come il clown della mia festa? Racconta, ti prego. Racconta.”

La zia riaprì gli occhi, sorrise e riprese:

“Oh, no! Fabio era solo un bambino assai ingegnoso, capace di fare agli amici scherzi molto divertenti… – s’interruppe ancora e ancora richiuse gli occhi, ma li riaprì subito – La piccola canaglia…” riprese, ma s’interruppe nuovamente: gli occhi chiusi, il capo reclinato, un dolce sorriso sulle labbra.

“Ed ora? – la invitò Emma, ma anche lei sentiva una gran voglia di chiudere gli occhi – Racconta, zia, racconta… come fece quella pi…piccola   ca…canaglia a…”

“La… la bambola di le…legno…” continuò la zia, ma, per la terza volta, s’interruppe e questa volta la piccola non la sollecitò più a proseguire: un dolce sopore aveva preso anche lei.  Smise di fare domande, chiuse gli occhi e si abbandonò a quello strano torpore; la zia aveva smesso di raccontare e le sue mani, abbandonate in grembo, non accarezzavano più il suo capo.

aff3afe8-8ce9-46e7-a748-9ddb73466d22-e692ec063d7d3c2f63337148e957ed43-copia-2

Nel camino, intanto, la legna era diventata brace e la brace andava consumando ed assumendo una tinta sempre più scura e minacciosa

Un penetrante odore, dolciastro e amaro insieme, aveva cominciato a saturare la stanza.


Nel frattempo, nella villetta accanto, la casa della piccola ospite di Emma,  si stava conversando amabilmente; tra un pasticcino, un pettegolezzo e una cioccolata calda, il tempo scorreva veloce e inavvertito.

Qualcuno bussò alla porta.

La padrona di casa andò ad aprire e si trovò di fronte una bambina con sulle spalle un bel mantello di velluto ricoperto di neve e un capello in testa, trattenuto da nastrini rossi.

 

f3e85efa40669f5a630f0398c2c7fcee“Entra. Entra, piccina. – la donna si fece da parte per lasciarla entrare – Chi sei? Hai bisogno di qualcosa?”

“Sono l’amica di Emma Vittoria e cerco il suo babbo e la sua mamma.” rispose la piccola sconosciuta.

“Ma certo, cara. Entra… I genitori di Emma sono in salotto… ma dov’è la piccola Emma?”

“Non è con me. La mia amica Emma Vittoria è a casa con zia Maria, ma bisogna correre subito da loro perché sono in grave pericolo.”

“Santo Cielo! E’ accaduto qualcosa?” esclamò la donna.

Richiamati dalle loro voci, i genitori di Emma  si precipitarono sulla porta d’ingresso.

“Che cosa è successo a Emma Vittoria e alla zia Maria? – cominciarono a tempestare di domande la piccola – E tu, chi sei? Non ti ho mai vista prima.”

“Sono Laetitia-Angiolina, la nuova amica di Emma e sono corsa ad avvertirvi che la mia amica e la zia stanno molto male.”

“Oh, mio Dio! Che cosa è successo alla mia bambina?” si allarmò la mamma di Emma.

“Sembrano addormentate. – spiegò la piccola, scuotendosi la neve di dosso – La legna… la legna, bruciando, ha liberato uno strano odore e tutta la stanza ne è piena… tutta la stanza…”

Senza aggiungere altro, la piccola si voltò per raggiungere l’uscita.

“Presto… presto!” esclamò il babbo, che aveva afferrato la gravità della situazione e senza altri indugi, si lanciò di fuori, lungo il sentiero che portava a casa

“Le esalazione di gas prodotto dalla legna – andava ripetendo – … la legna del camino..”

La mamma di Emma si gettò addosso in tutta fretta il cappotto e seguì il marito sotto la neve che fioccava sempre più abbondante.

Seguiti dagli amici, raggiunsero la loro casa.
Trovarono Emma Vittoria e zia Maria accanto al camino non più scoppiettante, ma scuro di cenere.
Parevano addormentate, proprio come aveva detto la piccola sconosciuta. In realtà, erano svenute, ma rinvennero subito, appena furono apprestate loro le cure e le attenzioni necessarie.

 

“Dov’è Laetitia Angiolina? – la mamma di Emma si guardò intorno alla ricerca della piccola sconosciuta – Voglio ringraziarla. Non oso immaginare quello che sarebbe potuto accadere senza di lei.”

“Chi è questa nuova amichetta della nostra Emma? – anche il babbo la cercò – Ma dove sarà andata? Era tutta bagnata, povera piccola. Potrebbe prendersi un malanno.”

“Di chi state parlando?” domandò Emma, sollevando la testa dal divano del soggiorno su cui era stata adagiata insieme alla zia.

“Della tua amica Laetitia Angiolina. – risposero tutti in coro – E’ venuta ad avvertirci di quanto stava accadendo qui.”

“Ah! La mia amica Laetitia Angiolina… – Emma Vittoria riempì con un lungo respiro la pausa che seguì, poi –  E’ lì, accanto al fuoco.” continuò e con la manina sollevata indicò la bambola seduta per terra accanto al camino.
“E’ Laetitia Angiolina. – ripeté – E’ la bambola che mi ha regalato zia Maria. E’ lei la mia  nuova amica.”

Si girarono tutti a guardare in direzione del camino.
Il volto della bambola era lo stesso della bambina venuta a dare l’allarme; anche le scarpine erano bagnate e il mantello verde era ancora ricoperto di qualche pagliuzza di neve.

Mamma Stefy scoppiò a piangere:

“Oh, piccola mia! Era  Laetitia Angiolina… Angiolina… il tuo Angelo Custode. Era il tuo Angelo Custode che ha preso le sembianze della tua bambola.”

tratto da  “VISCHIO  E  AGRIFOGLIO – Racconti di Natale”di Maria Pace

si possono richiedere scontati e con  DEDICA PERSONALIZZATA

GLI ARABI E I NORMANNI A PALERMO- di ELISA MORO

14716170_1203908246314324_3510122360733640277_n
In seguito alla conquista da parte degli Arabi, avvenuta nel 831 d.C., dopo un lungo assedio, la città di Palermo in 243 anni di dominazione, raggiunse splendore e prosperità; fu sede degli Emiri e divenne simile alle maggiori città arabe. La città raggiunse proporzioni notevoli attraverso nuove espansioni che garantirono integrità all’antico tessuto urbanistico del Cassaro. L’antica Paleopoli che dal XI sec. verrà denominata Galca, cioè “la cinta” dall’arabo al-halquah, diverrà la sede del primo nucleo di quel complesso che poi sarà il Palazzo dei Nomanni. Prima tra le espansioni urbane della città in periodo Arabo fu la cosiddetta “Halisah”, cioè la Kalsa, una vera e propria cittadella fortificata che venne costruita nel 937 nell’area in prossimità della attuale Cala. Era munita di porte e serviva a fronteggiare gli eventuali attacchi dal mare.

Si tratta della prima espansione che abbia seguito un programma stabilito e che sia stata utile ad accogliere gli edifici della classe dominante dei fatimiti. Successivamente la città conobbe altre espansioni fuori le mura e, a nord e a sud, si costruirono nuovi quartieri… Uno di questi a Nord del Cassaro era chiamato “harat as Saqalibah”, meglio noto come il “quartiere degli schiavoni”, il quartiere più popolato della città. Mentre il Cassaro e la Kalsa erano destinati infatti a residenza dell’apparato dirigente e amministrativo oltre che militare, “harat as Saqalibah” era destinato ai commercianti e pertanto tendeva ad accogliere tutti coloro i quali giungevano per motivi commerciali.

Era un quartiere multietnico che risentiva dei contatti via mare. Il testo “Sicilia musulmana” di I. Peri (1961 -Edistampa), riporta: “Palermo divenne il centro preferito della immigrazione musulmana, richiamando non solo militari ma anche mercanti. Non mancarono gli isdraeliti; persiani, siriani, arabi, africani vi convennero in nutriti gruppi richiamati dal clima e soprattutto dal ruolo assunto dalla città, di emporio del commercio più redditizio fra l’oriente e l’Africa da una parte e i paesi dell”occidente cristiano dall’altra”.
Al mercante arabo Ibn Hawqal dobbiamo la descrizione di alcuni antichi mercati dell’antica città. In tal senso è interessante rilevare ancora oggi la insistenza negli stessi luoghi di alcuni mercati tradizionali della città come Ballarò, la Vucciria e Lattarini. Del resto, per fare un esempio, l’origine del termine “Lattarini” deriva da “‘attarin” che vuol dire gli “speziali”. Dalla via Calderai alla via Divisi, invece si estendeva il quartiere della moschea, testimoniato dalla presenza di un vicolo che ancora oggi riporta il nome meschita.

La mancanza di permanenze architettoniche relative alla presenza degli Arabi a Palermo è ancora oggi poco indagata. Le testimonianze di carattere religioso sono del tutto irrilevanti e analogamente può dirsi di quelli a carattere militare, tanto che si può affermare che gli unici resti di architettura islamica in Sicilia sono i bagni di Cefalà Diana, fuori Palermo. Eppure Palermo è decantata dai numerosi viaggiatori come una città ricca di moschee (si dice fossero ben trecento) e di bellissimi palazzi. Ibn Gubayr, viaggiatore andaluso in Sicilia tra il 1184 e il 1185, descriveva Palermo come una città ricca di meravigliosi palazzi, giardini e parchi che circondavano la città come “i monili cingono i colli delle belle dai seni ricolmi”. Descrive anche il “qasr Ga’far” come un castello nei pressi della città sede dell’Emiro Ga’far. Oggi noto come il Castello di Maredolce è stato recentemente restaurato. Possedeva un’ampia peschiera con un’isola al centro; tale lago era alimentato dalle acque provenienti dalla sorgente del maredolce. Ancora oggi sono visibili alcuni tratti degli argini del laghetto intonacati di rosso.

Recentemente i “giardini islamici” di Palermo sono stati portati all’attenzione dell’Unesco, dopo un seminario che ha riunito parecchi studiosi di giardini islamici. Questi giardini infatti riprendevano i modelli persiani e, essendo posti intorno alla città in posizione dominante, erano circondati da muri ed erano ripartiti in modo geometrico. Canalette d’acqua, circondate da aiuole fiorite, agli incroci recavano fontane e confluivano in bacini più ampi, i cosiddetti laghetti, che spesso avevano un’isola artificiale al centro. Intorno, spazi aperti erano appositamente dedicati all’esercizio della caccia e alla sperimentazione di tipo agronomico. Con la dominazione Araba giunsero infatti in Sicilia molte specie vegetali, tra cui i noti limoni e gli aranci. I giardini ne erano ricchi, come del resto erano ricchi di fiori profumati, come i gelsomini, e di palme. Possiamo immaginare i profumi che si spigionavano da questi campi, dove era uso degli islamici recarsi a disquisire di argomenti scientifici.

Anche l’edilizia minore della Palermo araba aveva dei lati caratteristici contrassegnati da una costante presenza di giardini che si frapponevano tra le varie unità edilizie.

Altre strutture inoltre arricchivano la città araba, come ad esempio i bagni. Con gi Arabi Palermo assunse la forma rettangolare che conosciamo e, per l’ipotesi di popolazione in circa 300.000 abitanti, venne messa al II posto dopo Costantinopoli. Nel periodo Arabo furono inoltre portate avanti delle tecniche agricole avanzate per un migliore sfruttamento del suolo e per la canalizzazione delle acque. Il commercio e l’evoluzione del mondo agricolo contribuiranno allo sviluppo della città che si confermerà una struttura di tipo multipolare in relazione con il paesaggio circostante.

Il I Gennaio del 1072, con un esercito al seguito, Roberto il Guiscardo e il Conte Ruggero entrarono a Palermo attraverso la porta della città, che si trovava nella zona della Kalsa, segnando la fine della dominazione Araba e l’inizio di quella Normanna.
Tale evento rimase impresso nella memoria della gente, così tanto, da ispirare l’arte popolare. L’argomento fu infatti narrato nei dipinti di molti carretti siciliani, e ispiratore delle storie narrate nell’opera dei pupi.
Al figlio del Conte Ruggero, Ruggero II, che venne incoronato re di Sicilia nel 1130 nella Cattedrale di Palermo, dobbiamo i maggiori monumenti di epoca normanna a Palermo; molte moschee, in questo periodo, vennero distrutte per far posto a chiese cattoliche la cui architettura risentiva fortemente delle precedenti costruzioni islamiche.

La Chiesa di St. Maria dell’Ammiraglio detta “la Martorana” rappresenta una delle chiese più belle ed emblematiche della Sicilia per l’armonia raggiunta dall’insieme dei diversi stili che nei secoli in essa si sono stratificati.

All’interno della Chiesa in una decorazione musiva è raffigurato in atto d’adorazione ai piedi della Vergine, Giorgio d’Antiochia, Ammiraglio di re Ruggero che fondò la chiesa nel 1143. La chiesa prese il nome di St. Maria dell’Ammiraglio in onore di Maria e del suo fondatore, ma tale nome mutò nel 1435, allorquando la chiesa fu ceduta alle monache del monastero benedettino fondato dalla moglie di Goffredo Martorana.
L’interno è a croce latina, le splendide decorazioni musive interessano le pareti, le absidi, il presbiterio, il tamburo e la cupola e si accostano meravigliosamente agli affreschi settecenteschi realizzati dal Borremans.
Il campanile e il nartece sono databili tra il 1146 ed il 1185. Al 1588 risale la demolizione della facciata originale che venne sostituita dalla facciata barocca che oggi ammiriamo. Accanto alla Martorana si trova la Cappella di San Cataldo di schietto gusto islamico, sormontata da tre cupole rosse. Nel 1844 la cappella fu restaurata secondo il progetto dell’architetto Patricolo che restituì a San Cataldo il suo aspetto originario.

La Cattedrale di Palermo, è stata l’ultima grande costruzione normanna della sicilia e fu edificata durante Guglielmo II nel 1166-1189 in luogo di una chiesa paleocristiana distrutta all’epoca delle invasioni vandaliche. Costituisce un esempio di come si siano sovrapposte e sintetizzate in un’unica opera architettonica molti linguaggi architettonici appartenenti a diverse epoche, dall’arabo-normanno al neoclassico. Accoglie le spoglie dei reali normanni e svevi: Ruggero II, la moglie Costanza e Enrico IV, oltre a FedericoII e Costanza d’Aragona. Nella cattedrale, si racchiude parte della storia stessa della città di Palermo. Vi furono incoronati Carlo III di Borbone e V.Amedeo di Savoia.

Uno dei simboli architettonici della città è la chiesa di San Giovanni degli Eremiti, edificata in epoca normanna e caratterizzata dalle note cupole rosse dall’aspetto arabo. La presenza dei Nomanni caratterizzò non poco l’immagine della città: atre testimonianze d’epoca normanna sono la Cuba e la Zisa.

La Cuba, di poco posteriore alla Zisa, fu eretta nel 1180 e destinata a residenza estiva della corte normanna. Faceva parte del parco di delizie dei re normanni e si specchiava in una enorme peschiera. L’imponente massa architettonica, coronata da un’iscrizione a caratteri cufici, consta di quattro geometrici avancorpi ed il rigore perfetto delle pareti è movimentato da un’ampia sagomatura di archi ciechi ogivali. All’interno, la copertura della sala centrale, che si elevava per tutta l’altezza dell’edificio, era decorata “a stalattiti”. Dopo 135 anni la Cuba è stata recentemente aperta al pubblico; la Soprintendenza di Palermo ha infatti ottenuta la cessione definitiva dell’area pertinente al laghetto che circondava l’edificio e che era stata occupata da alcune costruzioni, che avevano inglobata la costruzione araba per numerosi anni impedendone la visione al pubblico…. Durante la visita alla Cuba è possibile ammirare un plastico che mostra come doveva essere l’aspetto del maestoso edificio quando era circondato dalla peschiera, di cui oggi rimangono soltanto le tracce.

La Zisa, dall’arabo “Aziz”, la splendida, era una reggia circondata da giardini di delizie e da una grande Peschiera, che fungeva da specchio al meraviglioso palazzo. Recenti opere di restauro hanno restituito parte dell’antico splendore all’edificio … E’ così oggi possibile visitare l’interno dell’edificio dove è stato realizzato un museo dell’arte islamica in Sicilia; L’imponente massa muraria è ingentilita dalla presenza di monofore ricavate nei caratteristici archi ciechi ogivali.
All’interno la sala principale, dal vestibolo a pianta cruciforme, è ornata da esedre parietali e soffitti alveolati, qui originariamente, da una fontana fino al 1500 sgorgavano acque che attraversando l’ingresso raggiungevano poi un vivaio.

La cubula è invece un piccolo padiglione aperto nei 4 lati da arcate ogivali, ed è sormontato da una cupola rossa. Realizzata per far parte del noto Parco del Genoardo realizzato sotto GuglielmoII, è stata restaurata nel 2004 insieme al recupero dell’agrumeto circostante.

Tali monumenti rappresentano l’aspetto forse più diffuso della città di Palermo che viene così percepita come una città sospesa tra oriente e occidente, per la presenza di quelle componenti introdotte dalle maestranze arabe nelle architetture denominate arabo-normanne, e anche per il permanere di alcuni usi e costumi di carattere tipicamente arabo ancora talvolta perpetuati da parte della popolazione.

I RAGAZZI & LA SCUOLA -di Diego Licata

12439092_1073846756005304_3933331178783731893_n
In seconda elementare ebbe lo stesso insegnante della prima, il professor Augello, un bel uomo sui cinquantanni dallo aspetto distinto e fisicamente ben formato sui cento chili; ma quello che in Alberto s’impresse di più furono le mani, grandi, sempre pulite e i peli neri e folti che spiccavano dietro le sue dita.
Il fatto che Pina, la sorella di Alberto, lavorasse come persona di servizio dal fratello del professore non cambiava nulla nei suoi riguardi, poiché se aveva qualcosa da comprare, mandava Alberto come tutti gli altri durante la lezione; per i ragazzi era piacevole, poiché li sottraeva alla noia della lezione.
Una mattina appena entrati in classe, ordinò ad Alberto d’andare in un negozio del paese e farsi dare ciò che era stato ordinato da lui; Alberto eseguì l’azione come chiunque altro ragazzo prendendosi il suo tempo. Al ritorno entrò in classe e salì sulla cattedra, dove il professore correggeva i compiti.
Mentre gli stava accanto, la sinistra del professore prendeva il compito già marcato e la sua destra assegnava il punteggio a quello che emergeva dalla pila che gli stava di fronte; il primo fu dieci; il secondo zero, dieci il terzo e, nemmeno a farlo apposta, zero il quarto che era quello di Alberto.
Arrabbiatissimo, posò la colazione che gli avevano dato per portarla in classe al professore e andò a sedersi. Dopo qualche giorno, al solito orario: «Alberto va a prendere il pesce alla pescheria».
«No, non ci vado.»
Il silenzio fu quello che osservò Dante nel Limbo. Di nuovo la voce dell’insegnante: «Vai a prendere il pesce».
Alberto ancora una volta si rifiutò. Allora quello si alza e va al banco, dove quest’ultimo era seduto: «Ti … ho detto … vai … a … prendere … il … pesce».
Alberto non riuscì a completare il suo rifiuto perché gli arrivò un ceffone così forte che, nonostante la bellissima giornata di primavera, si vide girare intorno alla testa tutte le stelle del firmamento.
Nello stesso momento che la mano lo colpiva, aveva visto saltare il professore con un forte «Ah!». La scolaresca scoppiò a ridere nel vedere il professore correre verso l’infermeria.
Solo dopo notò l’ago che aveva infilato, come spesso fanno le sartine, sul bavero della giacca. Naturalmente non aspettò che l’insegnante ritornasse, prese la sua cartella e uscì dalla classe.
Fuori paese avevano aperto delle scuole per chi abitava in campagna; in quella che era situata in contrada «Fontana Amara», poiché non era la sua zona, lo rifiutarono mentre in quella chiamata «L’acqua Santa» lo accettarono.
Vi passò due piacevolissime settimane. C’era una giovane insegnante molto brava con i bambini che durante la ricreazione, nella verde campagna, li faceva divertire, tanto e giocava insieme con loro. Poi gli fu detto che il direttore aveva ordinato che ritornasse alla scuola comunale.
A parte quest’abuso di autorità, che allora era insito nella vita siciliana, Alberto conservò un piacevole ricordo perché malgrado quest’abuso di potere era un gentiluomo.
Quando Alberto frequentava la quarta elementare, gli insegnanti erano molto soddisfatti del suo progresso e lo fecero sapere a sua madre, dicendo che sarebbe stato un peccato non farlo continuare a studiare. Questo era più facile a dirsi che a farsi, anche se ora le condizioni non erano così disagiate come una volta; Lilla e Pina lavoravano come personale di servizio e la madre aveva trovato lavoro nella mensa della scuola comunale. Non c’era modo in cui la sua famiglia potesse affrontare le spese necessarie per farlo proseguire negli studi.
Qualcuno suggerì di andare a parlare con una certa signora ricca e pia che era molto generosa e rispettata dagli ordini religiosi; bastava una sua raccomandazione ad aprire le porte dei collegi. Questa, appena seppe del ragazzo che andava a messa e che voleva farsi prete, si mise in contatto con diversi conventi.
La risposta non si fece attendere, ma sebbene fosse affermativa, c’era un grosso ostacolo; doveva entrare in collegio al principio del nuovo anno scolastico altrimenti si sarebbe trovato un anno indietro e non l’avrebbero preso.
Pina, che lavorava dal fratello del professor Augello, ed era ben voluta dalle due famiglie, spiegò la situazione al professore, il quale ordinò a quella maestrina, che era stata per due settimane l’insegnante di Alberto in campagna, di prepararlo durante l’estate per sostenere gli esami di quinta a settembre, naturalmente senza essere pagata.

QUATTRO PASSI NELLA LIRICA – “IL TROVATORE” di Sabrina Granotti

15079006_1866175810280712_7127991659033400826_n

Ci occupiamo oggi del “Trovatore”, completando così il racconto della “Trilogia popolare” di Giuseppe Verdi. Ambientata nel Medioevo, epoca storica particolarmente cara ai Romantici, l’opera presenta sia gli aspetti tipici del melodramma, come il contrasto tra amore e dovere, che quelli del teatro tragico tradizionale: fosche vicende famigliari, scambi di bambini nella culla, riconoscimenti tardivi; senza dimenticare l’importanza dei cori per la narrazione degli eventi: quello iniziale che dialoga con Ferrando ha un ruolo affine a quello ricoperto nel teatro greco. La trama (tratta dal dramma “El Trovador” di Antonio García Gutiérrez) è complessa e si è spesso sottolineato quanto i tempi della conclusione si succedano con una velocità fuori dal comune; l’ambientazione è in Spagna, tra la Biscaglia e l’Aragona.
La parte prima (denominata “Il Duello”) vede il capitano delle guardie Ferrando (basso) narrare di un presunto maleficio gettato da una zingara sul secondogenito dell’allora Conte di Luna; ritenuta colpevole del peggioramento delle condizioni di salute del neonato, essa venne bruciata al rogo come strega. Per vendetta, la figlia di costei aveva rapito e bruciato il bambino. La scena si sposta poi su Leonora (soprano), dama amata dall’attuale Conte di Luna (baritono), che racconta del proprio innamoramento per un cavaliere misterioso alla confidente Ines (soprano); il giovane si era poi ripresentato nelle vesti di “un trovatore”; la protagonista femminile canta l’aria “Tacea la notte placida” e la cavatina “Di tale amor che dirsi”. Giunge Manrico (tenore), annunciato dal suo canto “Deserto sulla terra”, dedicato a Leonora; il Conte di Luna (basso), consapevole di avere in lui un rivale (“Il Trovator… io fremo!”), stava spiando Leonora e irrompe, per ucciderlo; Leonora in un primo tempo, a causa dell’oscurità, scambia il Conte per il Trovatore, volgendogli parole d’amore che fanno infuriare l’amante; chiarito l’equivoco, ad essere preda dell’ira è il Conte, che sfida Manrico a duello.
Gli avvenimenti sono molteplici e complessi; rinviamo quindi a martedì prossimo la narrazione di quanto avviene in seguito. Nel frattempo, se queste poche parole hanno acceso in voi il desiderio di ascoltare quest’opera… buon ascolto!

I RAGAZZI & LA SCUOLA – di Sabrina Granotti

13081692_1767900933441534_1092197976_n
La Storia, prima Maestra di vita. Insegnandola ai ragazzi, ritengo sia importante porre l’accento su come i fenomeni non nascano “per caso”, bensì si sviluppino progressivamente da una catena di eventi, in stretta relazione tra loro. Per esempio, l’antisemitismo nazista trovò terreno fertile perchè nel mondo tedesco vigevano da secoli odio e pregiudizi nei confronti degli Ebrei. Allo stesso modo, in un periodo di tempo più ristretto, le grandi tragedie avvengono secondo un “crescendo” di sopraffazione e violenze. Osserviamo quindi come avvenne il cammino che condusse alla realizzazione della Shoah.
Hitler aveva teorizzato nella sua opera di diffusione dell’ideologia nazista, il Mein Kampf, il sistematico stermino del popolo ebraico. Raccogliendo il retaggio di un antico e radicato antisemitismo, da secoli presente in Europa, il Führer aveva rivolto contro gli Ebrei la strategia del capro espiatorio, incolpandoli di aver causato, con il loro tradimento, la sconfitta della Germania durante la prima guerra mondiale. Una volta salito al potere, Hitler aveva immediatamente attuato discriminazioni e persecuzioni ai danni degli Ebrei; innanzitutto aveva emanato le Leggi razziali avvalendosi della collaborazione di Alfred Rosenberg: gli Ebrei vennero emarginati dalla vita politica, economica e sociale della Germania nazista e costretti a vivere nei ghetti (quartieri a loro riservati). Nel 1938 i nazisti scatenarono la Notte dei cristalli, distruggendo negozi, sinagoghe e massacrando moltissime persone; fu l’inizio delle deportazioni di massa nei Lager, i campi di concentramento in cui si realizzò la Shoah, ovvero la distruzione sistematica della dignità, della personalità ed infine della vita stessa di circa sei milioni di Ebrei.
Con lo scoppio del secondo conflitto mondiale la condizione ebraica si aggravò ulteriormente: l’invasione della Polonia e di altre nazioni europee diede agio a Hitler di accanirsi anche sugli Ebrei che vivevano in quei Paesi. Le deportazioni aumentarono esponenzialmente: i prigionieri venivano ammassati nei Lager di Auschwitz, Buchenwald, Mathausen, Dachau ed altre località passate tragicamente alla storia. Solo la caduta del regime nazista consentì la scoperta degli orrori perpetrati, che si accentuarono dopo le prime sconfitte subite dalla Germania: Hitler ordinò infatti l’avvio della soluzione finale, ovvero della cancellazione totale della stirpe ebraica, che solo l’invasione da parte degli Alleati poté arrestare.
Tratto da Sabrina Granotti – “S.O.S. STORIA”, vol 5

ELISABETTA TUDOR… di Sabrina Granotti

: 15078710_1864340043797622_4737338360907743855_n
Ascesa al trono dopo la morte della sorellastra Maria I La Cattolica (1558), Elisabetta I Tudor deliberò di confermare la Riforma Anglicana realizzata dal padre Enrico VIII, attirandosi così la scomunica da parte di papa Pio V. Decisa a dedicare l’intera esistenza alla propria corona, fu detta la Regina Vergine, poichè non si unì in matrimonio con nessun uomo, dichiarando di aver “sposato l’Inghilterra”.
Il re di Spagna Filippo II, vedovo di Maria la Cattolica, le propose le nozze, con il proposito di poter controllare la politica inglese; ella però rifiutò sdegnosamente, decisa piuttosto a sancire la supremazia britannica sui mari, proprio ai danni della rivale iberica. Iniziò così un’accesa rivalità, portata avanti con coraggio e determinazione dalla sovrana.
La partecipazione alle guerre di religione sempre su fronti contrapposti acuiva l’inimicizia tra i due Stati. Su tutti i mari i Corsari, pirati inglesi legalizzati dalla regina con il proposito di assestare duri colpi alle già provate finanze di Filippo II, depredavano i galeoni spagnoli carichi delle ricchezze prelevate dalle colonie dell’America meridionale; inoltre i Britannici erano da tempo abili commercianti e in questi anni fondarono le compagnie commerciali del Baltico, del Levante e delle Indie orientali. Nel 1548 venne fondata la prima colonia inglese nell’America settentrionale: la Virginia, il cui nome venne appunto ispirato dalla sovrana.
L’antagonismo religioso e le lotte sui mari fra le due potenze dovevano portarle ad uno scontro frontale; l’occasione si ebbe quando la regina di Scozia Maria Stuart dovette fuggire dal suo regno a causa di una rivoluzione religiosa guidata da John Knox; elle chiese asilo ad Elisabetta I, che era sua cugina, facendo sorgere un grave problema: l’adesione di Elisabetta I all’Anglicanesimo le aveva procurato la scomunica da parte di papa Pio V e i cattolici inglesi cominciarono a vedere nella cattolica Maria la “loro” regina. Di fronte alla minaccia di una guerra civile, Elisabetta preferì imprigionare e successivamente far decapitare la cugina. Filippo II assunse il pretesto dell’esecuzione di una sovrana cattolica per attaccare l’Inghilterra: egli allestì un’immensa flotta, denominata Invincibile Armata, che però non seppe tener fede al proprio nome. Sir Francis Drake (il capo dei Corsari che Elisabetta aveva coperto di onori), ormai ufficialmente al servizio della corona inglese, seppe frantumare la battaglia navale in tanti piccoli scontri, nei quali poteva sfruttare l’agilità delle navi da corsa, ben più maneggevoli dei mastodonti spagnoli; la flotta di Filippo II, già indebolita e colpita anche da una tempesta, fu annientata prima di raggiungere la Manica (1588). La potenza politicamente ed economicamente più avanzata trionfò così sul conservatorismo e l’arretratezza di un regime ormai superato dai tempi.
Elisabetta morì nel 1603 senza eredi; si concluse con lei la dinastia Tudor, ma l’Inghilterra ne usciva accresciuta sia dal punto di vista economico che da quello militare.
Tratto da Sabrina Granotti – “S.O.S. STORIA”, vol. 3