TESORI e SAPORI della mia SICILIA – La chiesa di San Cataldo… di Tiziana MISSERI

18268203_192155227970073_1322503974712068237_n18221993_192155294636733_464967719504324088_n

Buongiorno amici, una passeggiata tra tesori e sapori della meravigliosa Palermo. Ad un gioiello come la chiesa di ” San Cataldo” accosteremo un maestoso e sublime dolce ” La cassata siciliana”.
Nel cuore di Palermo, in piazza Bellini, sorge la chiesa di San Cataldo (dal 2015 Patrimonio dell’Unesco)eretta nel XII secolo sorge dominante accanto ad un’altra meravigliosa chiesa ( la chiesa della Martorana ) su un terrazzo. Esternamente si presenta con un paramento murario in arenaria,impreziosito da intagli di arcate e ghiere traforate ( di influenza islamica )e tre solenni cupole rosse con calotta liscia.All’interno tre corte navate a sei colonne,la navata centrale costituita da tre campate coperte da cupole,sulle campate tre absidi,un piccolo gioiello che rappresenta la solarità della Sicilia.
Anche un dolce riesce a rappresentare la solarità e la magia della nostra isola, la deliziosa ” Cassata siciliana”
Un dolce tramandato da dieci secoli,che racconta la storia della Sicilia sottomessa a decine di invasioni straniere,cogliendo il meglio di ogni dominazione. Si narra che nasce da una miscela di ricotta fresca di pecora e canne da zucchero o miele,fatta da un contadino arabo che diede al dolce la forma di una scodella, e alla domanda su cosa stesse facendo rispose : ” qas ‘at ovvero scodella.
Successivamente i cuochi della corte dell’emiro di piazza Kalsa, decisero di elaborare il dolce arrotolandolo in un involucro di pasta frolla ( la cassata al forno),anche le monache del convento della Martorana di Palermo contribuirono all’elaborazione della cassata con l’invenzione della martorana ( pasta reale ) a base di farina di mandorle con cui venne decorata la cassata. Da Genova nel 700 arriva il pan di Spagna che prende il posto della pasta frolla, alla ricotta vennero aggiunte scaglie di cioccolata,durante il periodo barocco la cassata viene decorata, si aggiunse anche la frutta candita, ed ecco la cassata siciliana un tripudio di sapori odori, e colori che aprono il nostro cuore con tanta allegria !

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...