ANTICA GRECIA – EURINOME e il Mito Pelasgico della Creazione

fata_ocean_mareluna

Si racconta che Filippo il Macedone a chi gli rimproverava di essere un “barbaro”  domandava:  “Che cosa intendete voi per Grecia?”
Il primo territorio designato con questo nome pare essere stato Dodona,  città della Trespozia, nell’Epiro; in precedenza tutto il territorio era chiamato “Terra degli Elleni”, da Hellas o Ellade, regione della Tessaglia e con questo nome, a partire dal VI secolo a.C. si identificarono tutte le popolazioni: dal Peloponneso all’Illiria, dall’Attica alla Macedonia, ecc.
Come e quando assunse quel nome? In realtà non si sa bene.
Secondo gli scrittori della Grecia classica ad arrivare per primi nel territorio furono i Lelegi, provenienti dalla Caria, ma vi trovarono un nucleo etnico arcaico, una popolazione autoctona: i Pelasgi, che pare si siano insediati nel Peloponneso partendo dalla Palestina intorno al 3500 a.C. e che in età classica dettero origine a quella che fu chiamata la “questione pelasgica”.
E’ con questo termine, infatti, che  furono indicati tutti gli abitanti della Grecia pre-ellenica.

Appartiene proprio a questo periodo il mito  greco più antico della Creazione; un mito complesso in cui non vi sono Dei, ma solo una Dea-Universale di nome Eurinome.
E’ il mito pelasgico della Creazione, d’età matriarcale.

Epoca in cui gli Dei non avevano ancora alcun potere, ma era una Dea Universale, ossia  La-Dea-di-Tutte-le-Cose a dominare sulla natura e le sue creature. Ed era la donna a dominare sull’uomo,  in  virtù della sua “misteriosa” capacità di procreare e  la successione era matrilineare, non essendo la paternità tenuta in alcun conto.
Eurinome era il nome di questa Dea-Universale, il cui appellativo era “Colei che vaga in ampi spazi”.

 

ANTICA GRECIA - LE ORIGINI ... EURINOME e il mito pelasgico della Creazione

Eurinome il cui nome significa “lunga peregrinazione”, era emersa dal Caos primordiale e non avendo nulla di solido su cui posare i piedi, divise il cielo dal mare e cominciò a muoversi sulle onde. Era nuda ed aveva freddo e non avendo nulla con cui coprirsi, per scaldarsi cominciò a danzare sui flutti, dirigendosi verso il Sud.
Il suo movimento cominciò a produrre un turbinio alle sue spalle che la  costrinse a voltarsi: era il Vento del Nord, detto anche Borea, che incalzava dietro di lei.
La Dea, d’improvviso, tese le mani e lo afferrò poi lo sfregò fra le dita e di colpo il vento assunse la forma di un serpente, che  chiamò Ofione.
Quella presenza, però, ispirò immediatamente in lei il desiderio di procreare e così riprese a danzare in maniera sempre più leggiadra, sensuale e selvaggia, tanto da accendere in Ofione la fiamma del desiderio.
Il serpemNe l’avvolse nelle sue spire e si accoppiò con la Dea, che rimase incinta.
Assunte le forme di una colomba, Eurinome si levò in volo e quando giunse l’ora giusta, depose l’Uovo-Cosmico ed ordinò ad Ofione di arrotolarsi per sette volte intorno ad esso, finché questo non si schiuse e il Creato non prese forma: il Sole, la Luna, i Pianeti, le Stelle, la Terra con la Natura e le sue creature.

(il serpente OFIONE)
Successivamente la Dea creò i Titani e le Titanesse, cui affidò la custodia delle  Sette Forze Planetarie, ossi i  Pianeti appena creati.
Tia e Iperione furono i Signori del Sole,  Febe ed Atlante custodirono la Luna.  Marte fu affidato alle cure di Dione e Crio, Mercurio, invece, a quelle di Meti e Ceo.  Il pianeta Giove andò a Temi ed Eirimedonte, mentre Teti ed Oceano ebbero in cura Venere; Rea e Crono, infine, furono i Signori di Saturno.
In età classica, però, queste Forze furono assegnate a: Elio – Selene – Ares –  Ermete oppure Apollo – Zeus – Afrodite e Crono.
Ognuna di queste potenze planetarie presiedeva ad una funzione della Natura: la Luce era associata al Sole – la Magia alla Luna –  la Crescita al pianeta Marte  –  la Pace a Saturno – la Saggezza a Mercurio – la Legge a Giove –  l’Amore a Venere.

Eurinome ed Ofione si stabilirono sul Monte Olimpo, ma la coppia entrò ben presto in … crisi, a causa della millanteria di Ofione che si vantava di essere il Creatore dell’Universo. Irritata, la Dea lo relegò nelle profondità più recondite della Terra, ma prima lo colpi con un calcio sulla bocca spezzandogli tutti i denti:  venne  così, a crearsi  inimicizia tra la donna e il serpente, proprio come in biblica memoria.

Da quei denti, secondo il mito, nacquero i Pelasgi che presero il nome da Pelasgo, il primo uomo creato.

Secondo un altro mito, la Dea, recatasi nella terra d’Arcadia, nel cuore del Peloponneso, fece emergere Pelasgo, il primo uomo, subito seguito da altri uomini. A lui la Dea  insegnò l’arte della caccia, della raccolta di ghiande e  altri frutti e della concia delle pelli e quello  insegnò ai suoi simili l’arte dell’agricoltura e della pastorizia.

Successivamente, con il mito patriarcle di Urano e le sue nozze con la Dea-Universale e il  conseguente ruolo di  Padre-Progenitore da lui assunto, il potere dell Dea cominciò a conoscere il suo declino.

In epoche ancora successive, la Grande Dea Madre generò a Giove le tre Grazie: Carite, Pasitea e Cale, vista nel suo aspetto più mite, in contrapposizione alle tre Moire, che la vedevano nel suo aspetto più spietato.
Si era oltrepassato la  soglia del patriarcato.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...